La torre nera – Stephen King

Ho terminato la lettura del terzo dei sette libri che compongono la saga de “La torre nera“, romanzo che potremmo definire a puntate uscito dalla penna del re dell’horror, Stephen King.

Si tratta di “Terre desolate” che viene dopo “L’ultimo cavaliere” e “La chiamata dei tre”, prima di “La sfera del buio”, “I lupi del Calla”, “La canzone di Susannah” e “La torre nera”.

Una vera epopea che mischia con sapienza horror, mistero, ma anche sentimenti positivi nell’eterna lotta del bene contro il male. Ancora una volta (almeno questa è la mia opinione) King dimostra di essere migliore come romanziere da racconto avventuroso che come scrittore della paura.

La serie è ambientata in un mondo che viene definito come “il mondo che è andato avanti”, senza tempo e senza spazio definiti, una sorta di terra di mezzo de “Il signore degli anelli” di Tolkien. Non a caso l’autore americano confessa ripetutamente di essersi ispirato allo scrittore e al suo romanzo- capolavoro.

Il racconto è incentrato sul viaggio di quello che dovrebbe essere l’ultimo cavaliere (stirpe nobile e coraggiosa di un tempo che fu) che viaggia per salvare il mondo (o forse se stesso) dal Male che sembra vivere in questa Torre Nera. Al suo fianco tre coraggiosi nuovi cavalieri estratti dai loro mondi e dai loro tempi attraverso porte magiche.

Meravigliosa la trasposizione del famoso Charlie Ciù ciù (il trenino che forse molti di voi avranno conosciuto nelle favole da bambini) nel mondo distrutto di Lud dove si è trasformato in un terribile monorotaia…chissà perchè ma già da piccolo la storia del trenino mi aveva lasciato un po’ inquieto, non mi aveva divertito. E l’autore sembra togliermi le parole di bocca quando ne narra la storia e spiega come alcuni possono averlo vissuto.

Adesso mi accingo alla lettura del quarto capitolo della storia. Avvincente!

Annunci
Published in: on dicembre 4, 2007 at 12:31 pm  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://marat75.wordpress.com/2007/12/04/la-torre-nera-stephen-king/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Non sai quanto ti invidio…
    Se esistesse la penna per cancellare la memoria di “Men in black” rimuoverei all’istante tutta la saga per poter ripartire da zero…
    Buona lettura!!!

  2. Infatti, a volte capita anche a me di leggere un libro veramente bello e sono dispiaciuto di non poterlo rileggere perchè so già come va a finire.

    Peccato che mi capiti poco spesso!


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: