Un uomo solo al comando!

Così si diceva ai tempi di Coppi, così si sarebbe potuto dire ai tempi di Pantani.

Io non sono un grande esperto di ciclismo, ma seguo con passione le tappe di montagna che mi emozionano con il loro alternarsi dei ciclisti in testa alla corsa, gli scatti, le crisi e le vittorie.

Un uomo solo al comando, così dicevamo e forse così si poteva dire domenica scorsa quando il modenese Riccardo Riccò ha scalato come uno stambecco il Col d’Aspin, preoccupando la maglia gialla, per poi vincere la tappa candidandosi seriamente alla vittoria finale.

Il ragazzo deve ancora dimostrare tutto, ma è giovane e se Dio lo avesse dotato di un po’ di cervello potrebbe darsi che non abbia a perdersi come il grande Pirata.

La sua carriera è ancora agli esordi, ma ha già dimostrato di avere carattere e una grande carica agonistica, ingredienti essenziali in questo sport così faticoso.

Per una volta lasciamo perdere i sospetti e il doping e speriamo che il fiore sbocci e viva grande e bello come promette.

Annunci
Published in: on luglio 16, 2008 at 4:19 pm  Comments (5)  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://marat75.wordpress.com/2008/07/16/un-uomo-solo-al-comando/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Ho fatto appena in tempo a pubblicare l’articolo che Riccò è stato beccato con le dita nella marmellata. Ammetto di essere veramente deluso, ma non sorpreso. Ormai il doping è una certezza del ciclismo. In ogni modo, almeno per il sottoscritto, è venuto il momento di smettere di seguire il ciclismo.

  2. L’amarezza più “grande” sarà di vedere come si evoleranno le cose, se sarà trattato come il PIRATA o se, come credo che succederà, verrà messo tutto a tacere senze troppo frastuono?
    Che dici?

  3. Sarebbe bello parlarne e sarebbe bello capire perchè ci si rifiuta di ammettere che per praticare uno sport così faticoso si prende qualcosa per sentire meno la fatica…è un segreto di Pulcinella!

  4. Almeno stavolta i giornalisti non gli dato subito del drogato senza prove come fecero con Marco Pantani, Alessandro Del Piero e tanti altri, tutti sbattuti in prima pagina … alla fine quelli che non hanno avuto il supporto dai poteri forti sono stati rovinati, a volte in maniera tragica.

  5. IL giornalismo in Italia funziona peggio della politica…il che è tutto dire!

    Resta il fatto che la sua squadra lo ha scaricato come a voler dire a tutti che lei non c’entra niente…difficile da credere…


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: