Innsbruck e Monaco di Baviera

Il 15, il 16 e il 17 dicembre sono stato ai mercatini di Natale di Innsbruck e Monaco di Baviera con la mia ragazza e ho rivisto volentieri due bellissime città che avevo già visitato in precedenza, ma di sfuggita.

Non vado certo matto per i mercatini di Natale (a differenza della mia dolcissima metà), tuttavia sono stato ben lieto di notare come, più si sale verso il nord dell’Europa e più la tradizione natalizia diventa una tradizione enogastronomica.

Le bancarelle dei mercatini sono per le maggioranza dedicate al culto dell’assaggio delle specialità locali e questo è un aspetto della vicenda natalizia che mi garba alquanto.

Ottima la Raclette che già avevo assaggiato a Merano e ottimi anche i canederli, ma quelli di farina (pasta asciutta, per intenderci) e non quelli di carne e verdura che proprio non mi piacciono.

Buone (anche se un tantino salate!) e, soprattutto originali, le Kartoffel loken, patate che vengono tagliate a mo’ di spirale e fritte con la buccia e poi ricoperte di sale.

A Monaco di Baviera (città bellissima!), purtroppo siamo andati di domenica e abbiamo trovato tutti i negozi chiusi nonostante le festività. Ma, sfortuna di tutte le sfortune, erano chiuse anche le mitiche birrerie come la Hofbrau.

Qui i mercatini sembrano non finire mai e ancora una volta abbondano le specialità gastronomiche tipiche come wurstel e crauti, marzapane, canederli e altro.

Fantastico come al nord combattano le insidie del freddo…vin brulè e alcool a volontà! Sia a Innsbruck che a Monaco ogni tre bancarelle ne puoi trovare una dove si trinca vin brulè o punch che ti viene versato in tazze molto carine al prezzo di circa 4-5 euro comprensivi di cauzione per la tazza stessa che se vuoi puoi tenere, altrimenti restituisci verso restituzione della cauzione. Una bella idea per vendere tazze ricordo ed evitare furtarelli.

L’unica tristezza del viaggio è stato assistere al grado di civiltà di tedeschi e austriaci rispetto al nostro. Esempio pratico: Monaco, migliaia di punti in tutta la città nei quali puoi trovare le cassette che distribuiscono i quotidiani. Piccolo particolare: i contenitori dei giornali sono aperti!!! In teoria uno potrebbe benissimo prendere il giornale gratis…immaginatevi la stessa situazione in Italia dove, se lasci una bicicletta chiusa col lucchetto a un palo, quando la vai a riprendere non trovi nemmeno il palo.

Da segnalare a Innsbruck tre negozi che meritano di essere visitati: 1) Il negozio della Swarovski; 2) Spezialitaten in Stiftgasse dove vendono oltre 600 tipi di grappe; 3) il Cafè Sacher dove vendono la famosa torta

Insomma, un concentrato di divertimento in spirito natalizio nella cornice delle montagne innevate. Da visitare.

Annunci
Published in: on dicembre 28, 2007 at 10:05 am  Comments (2)